Zero Robotics: il podio è tutto italiano!

  5 Febbraio 2019  >   Curiosità · Eventi · Flash · Ultime notizie

Primo, secondo e terzo posto: l’italia trionfa alla X Edizione del contest ideato dal MIT di Boston in collaborazione con la NASA che coinvolge gli studenti di tutto il mondo in una gara per programmare i robot Spheres

 

La X Edizione della Zero Robotics si è conclusa con un podio tutto italiano

 

Da Vercelli a Napoli le scuole italiane comandano i robot in orbita: ad aggiudicarsi le tre medaglie della X Edizione della Zero Robotics il “Dark Team” dell’IIS Avogadro –  Liceo Scientifico di Vercelli (primo classificato), il “Crab Nebula” del Liceo Scientifico F. Cecioni di Livorno (medaglia d’argento) e gli studenti dell’Istituto Tecnico Righi di Napoli (medaglia di bronzo). Trionfo dell’Italia anche nella Virtual Final dove, ad aggiudicarsi il secondo posto ex – aequo, sono state le squadre “House of Coders” del Liceo Scientifico F. Vercelli di Asti e “LSA Tea Party” dell’IIS Avogadro – Liceo Scientifico di Vercelli.

 

La Zero Robotics, creata nel 2009 dal Mit Space System Laboratory in collaborazione con l’astronauta Greg Chamitoff, ha l’obiettivo di aprire il modo di fare ricerca sulla Stazione spaziale agli studenti delle scuole superiori e prevede che i team di studenti si impegnino per la programmazione dei robot che assistono gli astronauti durante gli esperimenti che ogni giorno conducono. Inoltre le varie squadre nazionali si aggregano in macro-team internazionali costituiti da scuole di diverse nazioni, promuovendo così la collaborazione tra studenti di paesi differenti. Dopo un paio di edizioni sperimentali condotte con scuole statunitensi, la Zero Robotics è stata aperta anche alle scuole di tutto il mondo e oggi vede la collaborazione, al fianco del Mit, di altre istituzioni prima fra tutte la Nasa. Tra i paesi più attivi c’è, invece, l’Italia tanto che è stato istituito anche un campionato italiano di Zero Robotics che sta iniziando e terminerà con la fase finale a metà aprile.

Il compito che avevano gli studenti per l’edizione 2018 – 2019 della Zero Robotics era quello di riuscire a manovrare uno Spheres, ovvero piccoli satelliti progettati dal Mit di Boston. Nella fase iniziale virtuale dovevano raggiungere un satellite in avaria, nell’ultima invece dovevano portare il robot nella ISS (International Space Station).

La gara è durata complessivamente cinque mesi, durante i quali le squadre – prima di arrivare alla prova finale  – si sono sfidate virtualmente attraverso dei codici. A partecipare alla X Edizione della Zero Robotics 180 scuole provenienti da Stati Uniti, Australia, Russia, Italia, Germania, Romania, Spagna, Regno Unito, Polonia, Grecia, Portogallo. Tra gli Stati europei che hanno gareggiato nella Zero Robotics è proprio l’Italia a detenere lo scettro per il gruppo più numeroso di scuole partecipanti: ammontano infatti a 25 quelle che si sono messe in gioco.

 

Ad aggiudicarsi la medaglia d’oro il “Dark Team” dell’IIS Avogadro – Liceo Scientifico, Vercelli!

 

In attesa dunque di assistere alla competizione nazionale… complimenti a tutti gli studenti che hanno portato il nostro tricolore sul podio!