Attenzione: Questa pagina è in continuo aggiornamento


HYFLIERS: HYbrid FLying-rollIng with-snakE-aRm robot for contact inSpection
HYFLIERS: HYbrid FLying-rollIng with-snakE-aRm robot for contact inSpection

HYFLIERS: HYbrid FLying-rollIng with-snakE-aRm robot for contact inSpection

HYFLIERS è un progetto di ricerca innovativo finanziato dal programma EU Horizon 2020. Il progetto HYFLIERS svilupperà il primo drone industriale ibrido con una base mobile ed un braccio manipolatore in grado di raggiungere siti dove nessun altro robot può accedere, riducendo l'esposizione degli ispettori a condizioni di lavoro potenzialmente pericolose. Puntando su misurazioni dello spessore ultrasonico per le raffinerie, i risultati potrebbero essere applicati a molte altre tecnologie di ispezione robotica. Il consorzio è composto da otto partner provenienti da Finlandia, Spagna, Italia, Francia e Svizzera, tra cui università di alta reputazione, istituti di ricerca, partner industriali con capacità di ricerca e sviluppo e due società leader mondiali nel settore petrolifero e del gas.

Italy


HYFLIERS: HYbrid FLying-rollIng with-snakE-aRm robot for contact inSpection

Prof. Vincenzo Lippiello

Vincenzo Lippiello è nato a Napoli il 19 giugno 1975. Ha conseguito la Laurea con lode in Ingegneria Elettronica presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II nel dicembre del 2000. Dal gennaio al giugno del 2000 ha svolto il servizio sostitutivo civile. Nel marzo del 2004 ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Ingegneria dell’Informazione presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. Dal giugno del 2004 al maggio 2005 ha fruito di un assegno di ricerca nell'ambito del progetto “Creazione di operatori per il trasferimento tecnologico da enti pubblici di ricerca a piccole e medie imprese; azione 3: tecnologie dell’informazione per l’automazione dei relativi processi produttivi”, finanziato dalla Regione Campania. Dal giugno 2005 al maggio 2007 è stato titolare di un assegno per collaborazione ad attività di ricerca “Controllo visuale di sistemi robotici cooperanti” presso il Dipartimento di Informatica e Sistemistica dell’Università degli Studi di Napoli Federico II. Dal giugno 2007 è stato fruitore di una borsa di studio “Controllo dell’interazione tra uomo e robot” della durata di otto mesi a supporto del progetto europeo PHRIENDS (FP6-045359) presso il Dipartimento di Informatica e Sistemistica dell’Università degli Studi di Napoli Federico II. Dal novembre 2015 è Professore Associato per il settore scientifico-disciplinare ING-INF/04 (Automatica), presso il Dipartimento di Ingegneria Elettrica e Tecnologie dell’Informazione dell’Università degli Studi di Napoli Federico II. Dal 2011 è membro dell’IFAC Technical Committee 4.3 on Robotics. Dal 2014 è revisore esperto per la Commissione Europea nell’ambito del programma di finanziamento della ricerca H2020. Sempre dal 2014 è revisore per il Research Council of Norway in Norvegia e per il National Center of Science and Technology Evaluation della Repubblica del Kazakistan per la valutazione di progetti nazionali. Dal 2011 al 2013 è stato delegato in qualità di responsabile scientifico per il progetto di ricerca FP7 AIRobots “Innovative Aerial Service Robots for Remote Inspections by Contact” (Collaborative Project – ICT 248669 – airobots.ing.unibo.it) finanziamento dall’Unione Europea con 2.616.000 euro di cui 530.072 euro per il Dipartimento di Informatica e Sistemistica dell’Università di Napoli Federico II. Dal 2011 e fino al 2015 è stato delegato in qualità di responsabile scientifico per il progetto di ricerca FP7 ARCAS “Aerial Robotics Cooperative Assembly system” (Collaborative Project – ICT 287617 – www.arcas-project.eu) finanziamento dall’Unione Europea con 6.150.000 euro di cui 1.023.200 euro per l’Università di Napoli Federico II. Dal 2013 e fino al 2017 è responsabile scientifico (Principal Investigator) per il Consorzio di ricerca CREATE e responsabile scientifico per il Dipartimento di Ingegneria Elettrica e Tecnologie dell’Informazione dell’Università degli Studi di Napoli Federico II per il Progetto di Ricerca Internazionale FP7 SHERPA “Smart collaboration between Human and ground-aErial Robots for imProving rescuing activities in alphine environments”, finanziato dalla Commissione Europea (Collaborative Project – ICT 600958 – www.sherpa-project.eu) con 8.550.000 euro di cui 941.800 euro all’unità di ricerca locale. I suoi principali interessi di ricerca riguardano la robotica ed in particolare i sistemi di visione artificiale finalizzati al controllo del moto e dell’interazione di robot manipolatori, la presa e manipolazione robotica, il controllo e la navigazione di droni in ambienti sconosciuti e la manipolazione aerea.


Stand H46 (pav. 5) - Università di Napoli Federico II

Back
 
Dati aggiornati il 04/12/2018 - 10.56.27

Pensi che il catalogo espositori sia utile a migliorare la tua esperienza con Maker Faire Rome? Esprimi un voto da 1 (inutile) a 5 (molto utile).

[Voti: 369    Media Voto: 4.1/5]